19 dicembre 2020
ore 20:53
di Francesco Nucera
tempo di lettura
1 minuto, 32 secondi
 Per tutti
inverno 2020-21: aggiornamento scenario
inverno 2020-21: aggiornamento scenario

N.B: Si tratta di scenari, previsioni sperimentali non utili per pianificare attività umane. Metodica ed uso

L'aggiornamento dello scenario atteso per l'inverno 2020-21 vede un cambiamento rispetto alla precedente uscita. La dinamicità attesa nel mese di dicembre con NAO negativa è prevista proseguire anche col mese di gennaio che dovrebbe presentarsi con un vortice polare più debole rispetto a quanto indicato in un primo tempo e con ondate di maltempo sull'area mediterranea. Le anomalie di geoptenziale a 500 hPa sul Nord Atlantico e sugli Urali pongono le basi per un vortice polare disturbato  con possibile tendenza a warming stratosferici che minerebbero l'intera stabilità della sua struttura. Questo scongiurerebbe l'evento di raffreddamento stratosferico che invece incentiverebbe una forte zonalità ed una maggiore presenza anticiclonica sull'Europa meridionale.

Pertanto c'è da attendersi ancora un pattern amplificato sul settore euro atlantico durante gennaio con scambi di calore lungo i meridiani. Queste cause troposferiche deriverebbero dal tipo di anomalie di pressioni sul Continente asiatico con accelerazione del jet stream in uscita dal Pacifico attraverso forti eventi di East Asian Mountain Torque positivi e coadiuvati dalla fase della convezione tropicale (MJO) che torna ad interferire costruttivamente con La Nina. La Nao potrebbe risalire la china dopo la metà di gennaio e soprattutto nel mese di febbraio come propone il modello ECMWF, segno di un vortice polare più compatto.

Nao stagionale secondo Ecmwf
Nao stagionale secondo Ecmwf

Le anomalie di temperatura positiva dovrebbero caratterizzare l'Europa orientale, nord orientale e la Russia. Quelle negative invece sull'Europa centro occidentale. Le anomalie di precipitazioni positive sono attese sull'Europa meridionale.

Lo scenario NON include eventi che possono agire su scale temporali più brevi e inferiori alle due settimane (eventi stratosferici, MJO). Queste trattazioni saranno seguite di volta in volta. 


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati