Redazione 3BMeteo
14 gennaio 2019
ore 20:00
Redazione 3BMeteo
tempo di lettura
1 minuto, 31 secondi
 Per tutti

SITUAZIONE. L'anticiclone delle Azzorre, ancora defilato sugli estremi settori occidentali del continente europeo, non riesce ad imporsi sul Mediterraneo centrale. L'afflusso di correnti tese dal Nord Atlantico si associa al transito di una rapida perturbazione sulle regioni del Centro-Sud e determina un marcato rinforzo della ventilazione e del moto ondoso sui mari di ponente.

Burrasche da Maestrale sferzano i bacini occidentali: i venti raggiungono picchi di 90-100 km/h su Mar di Corsica, Bocche di Bonifacio, Mare e Canale di Sardegna e i 70-90 km/h sul Canale di Sicilia e a largo del Tirreno. A Cagliari stamani chiusi in via precauzionale tutti i parchi cittadini. Forti mareggiate colpiscono le coste occidentali della Sardegna a causa del mare grosso (forza 7 della scala Douglas). Onde di 3-5 metri sono attese nelle prossime ore anche sul basso Tirreno e sul Canale di Sicilia con inevitabili disagi ai collegamenti marittimi con le isole minori.

MIGLIORA TRA MARTEDI E MERCOLEDI. Un temporaneo incremento della pressione e del campo di geopotenziale determinerà un graduale miglioramento delle condizioni meteo-marine a partire da domani. Nella giornata di martedì una residua ventilazione moderata o tesa in rotazione da Tramontana alimenterà ancora condizioni di mare molto mosso tra i bacini della Sardegna, il Canale di Sicilia, il medio e basso Tirreno e il basso versante adriatico. Moto ondoso in ulteriore attenuazione mercoledì 16, con mari generalmente mossi o poco mossi.

Tutti i dettagli sulla ventilazione e sullo stato dei mari nella sezione MARI E VENTI.

Dal Maestrale allo Scirocco. Ecco come cambieranno i venti in settimana

Lo stato dei mari intorno all'Italia. Ecco tutti i dettagli grafici

Le allerte previste nei prossimi giorni. Qui i dettagli grafici

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati