27 gennaio 2020
ore 9:50
di Carlo Migliore
tempo di lettura
1 minuto, 31 secondi
 Per tutti

Gli ultimi giorni di gennaio, noti nella tradizione popolare come giorni della merla non saranno per l'Italia i giorni più freddi dell'inverno 2019-2020, stando a quelle che sono al momento le ultime analisi modellistiche difficilmente smentibili a questo punto, visto che mancano pochi giorni. L'alta pressione che si è fatta temporaneamente e non del tutto da parte per consentire il transito di qualche impulso instabile che ci accompagnerà anche nell'inizio della nuova settimana sembra infatti destinata a tornare prepotente su tutta l'Europa occidentale e gran parte del Mediterraneo. 

La causa sarà un rafforzamento del vortice polare che raggiungerà il top proprio tra fine mese e inizio febbraio. Sappiamo ormai per esperienza che un vortice polare troppo energico causa un ritiro verso nord di tutta l'area perturbata, freddo compreso e una contemporanea risalita di latitudine dell'anticiclone sub tropicale che va a collocarsi lungo i meridiani centrali, occupando la posizione che invece dovrebbe essere appannaggio delle grandi perturbazioni. Sarà proprio la rimonta anticiclonica da ovest che spingerà verso est quella che poteva essere l'unica possibilità di avere un po di freddo sul'Italia, un impulso di aria polare in arrivo dal Mare Baltico che invece si dirigerà verso l'area balcanica e il Mar Nero sfiorando soltanto l'Italia. Nulla di fatto quindi, l'inverno continua a mostrarsi avaro di freddo e di neve e anche i giorni della merla smentiranno la tradizione.... Poi cosa potrebbe accadere?


Per maggiori dettagli previsionali consultate l'apposita sezione meteo Italia.


Per conoscere nel dettaglio lo stato dei mari e dei venti clicca qui.


Per la tendenza meteo consulta le nostre previsioni a medio e lungo periodo.


Segui in diretta l'evoluzione consultando la nostra sezione SATELLITI.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati