22 aprile 2019
ore 9:39
di Carlo Migliore
tempo di lettura
1 minuto, 38 secondi
 Per tutti

EVOLUZIONE fino al 29 aprile: nel corso della settimana di pasquetta la saccatura atlantica tenderà gradualmente a riassorbirsi spostandosi nel contempo verso levante. Questo movimento verso est delle perturbazioni associate alla saccatura coinvolgerà ancora parzialmente le regioni centro settentrionali italiane in condizioni di tempo a tratti instabile, tuttavia questa fase incerta non dovrebbe durare oltre il 26 Aprile, successivamente infatti l'anticiclone delle Azzorre dovrebbe rifare la sua comparsa da ovest investendo tutto il mediterraneo centrale e portando alcuni giorni di tempo stabile. In questo frangente oltre al bel tempo avremmo anche temperature molto miti sull'Italia, persino sopra media sulle regioni meridionali dove si potrebbe superare la soglia dei 25°. Secondo questa tendenza ci attenderebbe quindi un weekend 27-28 Aprile all'insegna del bel tempo con clima caldo.

EVOLUZIONE DAL 29 APRILE  AL 1° MAGGIO: La riorganizzazione di un vortice di bassa pressione sulla Penisola Scandinava metterebbe in campo una nuova saccatura, alimentata da correnti di aria fredda di matrice polare. Questa saccatura minaccerebbe l'Europa occidentale portando una fase di stampo invernale sul Regno Unito e il mare del Nord. Le perturbazioni associate al minimo norvegese scenderebbero gradualmente di latitudine per arrivare a interessare anche l'Italia settentrionale a partire dai giorni 29-30 aprile. Secondo questa tendenza si profilerebbe dunque un nuovo peggioramento per fine mese e forse per il 1 maggio. Al momento vista la distanza temporale dell'evento, parliamo di una tendenza a 10 giorni, non possiamo essere ancora certi di questa evoluzione. Nel corso dei prossimi aggiornamenti cercheremo di confermare o smentire. Seguiteci sempre


Per maggiori dettagli previsionali consultate l'apposita sezione meteo Italia.


Per conoscere lo stato dei mari e dei venti clicca qui.


Per la tendenza meteo consulta le nostre previsioni a medio e lungo periodo.


Allerte previste nei prossimi giorni: clicca qui.


Segui in diretta l'evoluzione consultando la nostra sezione delle webcam.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati