26 gennaio 2020
ore 9:50
di Carlo Migliore
tempo di lettura
2 minuti, 1 secondo
 Per tutti

I giorni della merla sono secondo la tradizione popolare i giorni più freddi dell'anno, generalmente sono gli ultimi tre di gennaio 29, 30, 31 , secondo qualche altra fonte gli ultimi due di gennaio e il 1 di febbraio. In passato molte attività agricole venivano organizzate proprio in base all'andamento climatico dei giorni della merla, oggi ovviamente non è più cosi e ci si affida alla meteorologia. Ma cosa ci dicono i modelli matematici al riguardo? Dopo un inverno molto mite e pressoché anticiclonico dalla fine di dicembre è possibile che proprio alla fine di gennaio ci sia un inversione di tendenza con l'arrivo del freddo e della neve? Se analizziamo la situazione attuale vediamo che effettivamente qualche perturbazione sta riuscendo ad arrivare sull'Italia grazie ad un temporaneo abbassamento di latitudine del flusso perturbato atlantico ma per il freddo e la neve ci vuol ben altro e le analisi degli indici di riferimento per l'attività del vortice polare non ci dicono nulla di buono.

Dopo un lieve indebolimento infatti il vortice polare tornerà in gran forma proprio in corrispondenza della fine di gennaio e per l'inizio di febbraio, questo avrebbe come diretta conseguenza un ritiro verso nord di tutta l'area perturbata che attualmente abbraccia l'Europa centrale con una nuova espansione dell'alta pressione delle Azzorre a gran parte del comparto occidentale e mediterraneo. Prima che questo accada un impulso di aria fredda di matrice polare scandinava proverà a scendere di latitudine per interessare l'Europa centro orientale, i Balcani, e il Mar Nero. Ciò avverrà orientativamente tra il 28 e il 29 con qualche strascico fino al 30. L'Italia non rientra negli obiettivi di questo impulso freddo tuttavia potrebbe esserne lambita sui settori nord orientali. Questa l'unica perplessità che riguarda i fatidici giorni della merla, ad oggi probabilmente caratterizzati da alta pressione e clima nel complesso mite sulla gran parte della Penisola. Tempo stabile e clima molto mite dovrebbero poi accompagnarci anche per l'inizio di febbraio. Seguite sempre i nostri aggiornamenti.

Per maggiori dettagli previsionali consultate l'apposita sezione meteo Italia.


Per conoscere nel dettaglio lo stato dei mari e dei venti clicca qui.


Per la tendenza meteo consulta le nostre previsioni a medio e lungo periodo.


Segui in diretta l'evoluzione consultando la nostra sezione SATELLITI.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati