29 settembre 2020
ore 13:28
di Luca Pace
tempo di lettura
1 minuto, 26 secondi
 Per tutti

NUOVA STRAORDINARIA SCOPERTA NEL POLO SUD DEL PIANETA - L'annuncio è arrivato nella rivista Nature Astonomy: "c'è una rete di laghi salati sotto i ghiacci del Polo Sud di Marte". La scoperta è eccezionale, e rappresenta un ulteriore tassello nel tentativo, da parte della comunità scientifica, di riscrivere la storia climatica del pianeta rosso al fine di individuare, tra le altre cose, anche l'eventuale presenza di forme di vita elementare.
L'area è la stessa oggetto della scoperta del 2018: il gruppo italiano che aveva individuato oramai due anni fa il lago al di sotto della calotta glaciale, ha descritto la presenza di altri tre bacini di acqua salata. Anche questi nuovi bacini sono stati scoperti con il radar Marsis, fornito dall'Agenzia Spaziale Italiana (Asi) alla missione Mars Express dell'Agenzia Spaziale Europea.


GRANDE LA SODDISFAZIONE DEI RICERCATORI -
Alla ricerca, coordinata da Elena Pettinelli e Sebastian Emanuel Lauro dell'Università di Roma Tre, hanno partecipato ricercatori del Cnr e italiani che lavorano in Australia e Germania. Il loro entusiasmo è tangibile: "la scoperta del 2018 è stata solo la prima prova di un sistema molto più ampio di corpi idrici liquidi nel sottosuolo marziano: è esattamente quello che avrei sperato, un gran risultato, davvero!" osserva Enrico Flamini, presidente della Scuola Internazionale di Ricerche per le Scienze Planetarie (IRSPS) presso l'Università di Chieti -Pescara.
Soddisfatto anche il responsabile scientifico del radar Marsis, Roberto Orosei, secondo cui "la scoperta di un intero sistema di laghi implica che il loro processo di formazione sia relativamente semplice e comune, e che questi laghi probabilmente siano esistiti per gran parte della storia di Marte".


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati