14 ottobre 2021
ore 14:53
di Daniele Berlusconi
tempo di lettura
59 secondi
 Per tutti

Ha lasciato dietro di se una scia di danni e purtroppo anche morti il passaggio del tifone Kompasu, che mercoledì sera ha fatto landfall nella provincia cinese di Hainan e ha iniziato a indebolirsi. Solo nelle Filippine, dove in soli due giorni è caduta una quantità di acqua che solitamente si registra nell'arco di più di un mese, il bilancio è salito a 19 vittime e almeno 14 dispersi. Il tifone ha innescato frane e inondazioni improvvise in tutto l'arcipelago, ma è stata soprattutto l'isola di Luzon a essere colpita duramente con danni stimati per oltre 20 milioni di dollari al settore agricolo e centinaia di case danneggiate. 

Dopo le Filippine anche Hong Kong è stata coinvolta dal passaggio del tifone Kompasu, dove mercoledì si è registrato un morto e almeno venti feriti a causa di alluvioni lampo e raffiche di vento che hanno raggiunto i 100 Km/h. Qui è stato emesso dalle autorità il segnale di allarme 8, il terzo più alto nella sua scala, per una durata temporale che è risultata essere la più lunga degli ultimi 40 anni. Sono state chiuse le scuole, la borsa e diverse attività. 




Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati