23 settembre 2022
ore 23:54
di Carlo Migliore
tempo di lettura
1 minuto, 47 secondi
 Per tutti

Gli ultimi giorni di settembre saranno all'insegna del maltempo di stampo tardo autunnale sull'Italia a causa del progressivo approfondimento sull'Europa centrale di una depressione che risucchierà correnti fredde direttamente dalla Groenlandia. In questa dinamica atmosferica avrà una parte importante anche l'evoluzione del super uragano Fiona che nella sua anomala risalita fino alle latitudini canadesi andrà a disturbare la circolazione fredda polare. Mezza Europa si prepara a fare i conti con la prima irruzione di aria fredda della Stagione mentre l'Italia dovrà subire le conseguenze dell'arrivo di questa aria fredda sul bacino, ancora molto caldo del Mediterraneo. Le conseguenze le possiamo facilmente immaginare, ci saranno piogge, temporali, nubifragi e venti forti su diverse regioni. Le zone più esposte saranno probabilmente quelle settentrionali e quelle tirreniche ma il coinvolgimento della Penisola sarà pressoché totale. 

A giudicare dalle ultime analisi avremo a che fare con almeno tre fronti perturbati dall'evoluzione abbastanza veloce. Il primo transiterà sulle regioni centro meridionali nella giornata di lunedì accompagnato da venti forti e una prima diminuzione delle temperature. Un secondo fronte è atteso martedì e potrebbe dimostrarsi più attivo sulle regioni nord orientali e quelle centro meridionali tirreniche. Un terzo e (forse) ultimo fronte è atteso invece tra giovedì e venerdì e potrebbe essere quello più intenso in quanto direttamente collegato alla discesa di aria fredda artica. Porterebbe rovesci e temporali intensi dapprima al Centro Nord poi anche al Sud con un nuovo netto calo delle temperature e forti venti ciclonici. In tutte e tre queste situazioni ci sarà anche la possibilità per avere nuove e locali abbondanti nevicate sull'arco alpino a quote anche relativamente basse per il periodo (1400/1600m) così come anche sulle cime più elevate dell'Appennino (generalmente sopra i 2000m).

Per quanto riguarda il clima generale, le temperature sono attese quasi ovunque sotto media eccetto che localmente al Sud e temporaneamente lungo l'Adriatico dove potranno mostrarsi anche normali o poco sotto media. L'evoluzione sarà da seguire con molta attenzione. Restate aggiornati.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati