11 novembre 2020
ore 23:54
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
1 minuto, 21 secondi
 Per tutti
Immagine di archivio
Immagine di archivio

SITUAZIONE. A parte qualche disturbo innescato da infiltrazioni umide occidentali all'interno dell'invincibile anticiclone il tempo sull'Italia si mantiene stabile e le condizioni climatiche decisamente miti per il periodo. Gli unici spunti climaticamente autunnali sono dati dalle inversioni termiche che ormai trovano terreno fertile nei bassi strati dell'atmosfera, ma che non vengono corrisposti alle quote più elevate o di giorno laddove prevale l'azione del sole e rendono le caratteristiche climatiche tipiche dell'estate di San Martino. Anche nei prossimi giorni la situazione non subirà variazioni particolari sul profilo climatico ed anzi, si potrà assistere ad un ulteriore locale aumento delle temperature con valori diurni che spesso risulteranno superiori alle medie del periodo nel weekend.

POSSIBILE LOCALE CALO TERMICO LA PROSSIMA SETTIMANA. Nel corso della prossima settimana, invece, l'alta pressione tenterà uno slancio verso l'Europa nordorientale ed innescherà sul suo bordo destro una discesa di correnti più fredde nordorientali che punteranno il Mediterraneo centrale e parte d'Italia. Non si tratterà certo di un'irruzione fredda in grado di riportare le temperature su valori più in linea con quelli del periodo, ma alcune regioni potranno subire un certo ridimensionamento termico. Tra queste in prima linea saranno probabilmente le adriatiche e il Meridione, dove entro metà settimana non escluso l'arrivo anche di qualche pioggia. Mentre al Nord e sul Tirreno l'andamento termico non dovrebbe subire variazioni e le temperature mantenersi superiori alle medie. In ogni caso vista la distanza temporale la tendenza potrebbe subire modifiche e vi consigliamo di rimanere aggiornati.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati