3 novembre 2022
ore 23:53
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
2 minuti, 6 secondi
 Per tutti
Immagine di archivio
Immagine di archivio

ARRIVA LA NEVE SULLE ALPI MA ANCHE SU TRATTI DELL'APPENNINO. Una perturbazione di origine atlantica sta raggiungendo il Nord Italia determinerà il ritorno della neve dapprima sulle Alpi occidentali a quote inizialmente superiori ai 2000m. Entro sera si estenderà all'arco alpino orientale e nella giornata di venerdì sarà seguita da aria più fredda in afflusso dalle alte latitudini europee che innescherà un abbassamento dello zero termico e del limite delle nevicate sulle zone alpine, anche al di sotto dei 1500m, seppur con fenomeni che tenderanno ad attenuarsi. L'aria fredda affluirà fin verso l'Appennino centro-settentrionale venerdì e i fiocchi faranno localmente la loro prima comparsa sotto i 2000m sul settore centro-settentrionale. Sabato gli ultimi fiocchi imbiancheranno le vette dell'Appennino centrale.

PROSSIME ORE. I primi fiocchi faranno la loro comparsa sulle Alpi piemontesi e in Valle d'Aosta oltre i 2000/2200m, estendendosi estro sera ai rilievi lombardi e in forma più debole alle Alpi orientali. Fiocchi più consistenti attesi quindi in località come Sestriere e nella notte anche a Cervinia, pur senza accumuli rilevanti, mentre oltre i 2500m il manto fresco potrebbe raggiungere anche i 20/30cm di spessore entro la mezzanotte.

VENERDI', ALPI. Si attenueranno le nevicate sulle Alpi occidentali, a parte un po' di nevischio ventato sui confini franco-svizzeri con limite pioggia-neve in calo fino a 1400m. Il fronte si concentrerà su Alpi lombarde ed orientali con fenomeni anche intensi e a tratti temporaleschi al mattino, mentre la quota neve si abbasserà fin verso i 1300/1400m. Qualche centimetro di neve si depositerà su località come Livigno, una decina di centimetri a 2200m, mentre al Passo dello Stelvio potranno depositarsi anche 30/40cm di neve fresca.

VENERDI', APPENNINO. La perturbazione coinvolgerà anche l'Appennino, dove inizialmente i fenomeni saranno in forma piovosa. Col passare delle ore l'afflusso freddo dai quadranti settentrionali favorirà l'abbassamento della temperatura sul settore umbro-marchigiano e su quello laziale-abruzzese, con fiocchi in calo fino a 1900/2000m che imbiancheranno rilievi come i Sibillini, la Marsica e la Majella.

SABATO. La perturbazione si concentrerà sul medio-basso Adriatico e al Sud, ma le temperature permetteranno alla neve di cadere solo sull'Appennino Abruzzese, a quote superiori ai 1700m circa. Qualche spruzzata di neve sarà ancora possibile anche sui rilievi umbro-marchigiani, ma di poco conto, mentre su località come Campo Imperatore potranno accumularsi 5/10cm di neve fresca.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati