30 marzo 2021
ore 23:56
di Carlo Migliore
tempo di lettura
1 minuto, 58 secondi
 Per tutti

STABILITA' E CALDO PRECOCE, LA PRIMAVERA INGRANA LA QUARTA: ve lo avevamo anticipato poco più di una settimana fa quando il maltempo, il freddo e la neve a bassa quota ci avevano riportato climaticamente indietro di due mesi, che la situazione si sarebbe letteralmente capovolta nella Settimana Santa e così è stato. Nel giro di pochi giorni la rimonta di un massiccio promontorio di alta pressione di matrice africana sull'Europa centro occidentale ci ha portato sole e temperature sempre più miti. Manca pochissimo ad aprile ma di fatto siamo già su valori termici da mese di maggio

BEL TEMPO E CALDO FINO A GIOVEDÌ: I massimi anticiclonici si trovano attualmente tra l'Italia centro settentrionale e la Francia, siamo quindi nel momento topico del regime di stabilità. Ciò garantirà tempo pienamente soleggiato su gran parte della Penisola sia nella giornata odierna che in quelle di mercoledì e giovedì con temperature che tenderanno ulteriormente ad aumentare fino alla soglia dei 26°C o persino 27°C di massima sulle pianure del nord e  localmente anche su parte del Centro, specie interne della Toscana del Lazio e in Umbria.  Da segnalare solo qualche innocuo annuvolamento sulle regioni meridionali che risentiranno di una residua debole circolazione più fresca in quota, motivo per il quale le temperature non raggiungeranno i valori del Centro Nord, tuttavia non sono previste precipitazioni, nemmeno al Sud.


CALO BARICO VENERDÌ:  venerdì i massimi barici migreranno gradualmente verso sudest per riportarsi entro venerdì sera sul nord Africa. Nel contempo l'anticiclone delle Azzorre si spingerà verso il Regno Unito favorendo la discesa di correnti più fredde sul suo bordo orientale che andaranno a incentivare la formazione di una bassa pressione sull'Europa sud occidentale. In questo lasso di tempo la Penisola pur restando in un regime anticiclonico risentirà di un incipiente calo della pressione atmosferica. Il movimento verso levante di questo minimo comincerà a disturbare il tempo sulle nostre regioni più occidentali con velature e stratificazioni ma non ci saranno ancora conseguenze in termini di precipitazioni. Le temperature tenderanno a diminuire leggermente ma resteranno ancora abbondantemente sopra media. Un cambiamento più sostanziale è previsto nel weekend di Pasqua e soprattutto a Pasquetta.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati