25 dicembre 2020
ore 7:50
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
2 minuti, 46 secondi
 Per tutti

SITUAZIONE. Il fronte artico che nella giornata della Vigilia avrà attraversato l'Europa da nord a sud fino ad addossarsi all'arco alpino, si riverserà nella giornata di Natale sull'Italia generando un vortice di bassa pressione che si posizionerà sulle nostre regioni centro-settentrionali. Intorno ad esso ruoterà una perturbazione che nel giorno di Natale darà luogo ad un peggioramento sulle regioni centro-meridionali, specie tirreniche, oltre che su parte della bassa Pianura Padana, mentre l'aria artica che comincerà ad affluire sul Mediterraneo centrale provocherà anche un abbassamento delle temperature e della quota neve. Nel giorno di Santo Stefano il vortice depressionario si metterà in cammino verso il Sud Italia e la perturbazione associata sfilerà verso sud liberando i cieli del Nord e gradualmente dell'alto Tirreno, mentre si concentrerà al Centro-Sud con maltempo e nevicate a quote collinari. Si assisterà inoltre ad un sensibile rinforzo dei venti innescati dal vortice di bassa pressione, oltre ad un generale sensibile calo delle temperature. Vediamo i dettagli:

METEO NATALE. L'aria fredda proveniente dal Nord Europa inizierà ad affluire sull'Italia generando un minimo di pressione intorno a cui ruoterà un fronte responsabile di un'intensificazione dell'instabilità nel corso della giornata soprattutto al Centro-Sud. Piogge e rovesci si intensificheranno già in mattinata su Toscana e nordovest Sardegna, con fenomeni che tra il pomeriggio e la sera si estenderanno al basso Tirreno e, sul versante adriatico, alle Marche. Il peggioramento interesserà anche parte del Nord, in particolare nella prima parte della giornata Triveneto, Emilia e localmente basso Piemonte ed entroterra ligure. Salterà invece il resto del Nordovest dove permarranno schiarite. Attenzione alla quota neve in brusco abbassamento per l'ingresso dell'aria fredda. Al Nord neve dai 200/400m al mattino sulle Alpi orientali, neve in calo fino a 300/500m in Emilia in serata, fino a 1000m sull'Appennino centrale, a quote superiori sull'Appennino meridionale. Temperature in calo, specie al Centro-Nord. Venti occidentali in rinforzo, da nordest al Nord.

METEO SANTO STEFANO. La perturbazione si sposterà verso sudest richiamata dal minimo di pressione che si porterà verso il tacco dello Stivale e il tempo migliorerà decisamente al Nord e sull'alto Tirreno, salvo residua instabilità al mattino su Romagna e bassa Toscana con fiocchi di neve dai 400m. Il maltempo insisterà invece al Sud e sul medio-basso Adriatico con piogge e rovesci più frequenti su Marche, Abruzzo, alta Calabria tirrenica e Salento, anche temporaleschi e localmente grandinigeni sul medio Adriatico. Limite neve sui 400m sulla dorsale centro-settentrionale, 600/800m su quella meridionale. Temperature in ulteriore brusco calo, venti sostenuti di Grecale, da sudovest all'estremo Sud. Breve tregua domenica, ma in serata nuova perturbazione in arrivo a partire dal Nordovest con neve fino in pianura.


Per conoscere nel dettaglio lo stato dei mari e dei venti clicca qui.

Le piogge attese nei prossimi giorni riusciranno a ridurre la concentrazione dei pollini? Consulta la nostra sezione pollini.

Il maltempo, come accennato, sarà localmente intenso. Per dettagli sulle allerte meteo previste consulta la sezione allerte.

Per capire dove pioverà di più nelle prossime ore consulta le nostre mappe di precipitazioni.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati