2 maggio 2024
ore 8:45
di Carlo Migliore
tempo di lettura
1 minuto, 37 secondi
 Per tutti

HET, acronimo di High-Temperature Electrothermal Process è una tecnologia innovativa che sfrutta l'elettricità indotta per produrre un aumento della temperature. Non so se avete presente la tecarterapia, qualcosa di simile ma applicato su larga scala e non alle nostre articolazioni ma ai nostri terreni. L'inquinamento del suolo sarà infatti una delle sfide ambientali più gravi da affrontate nell'immediato futuro. Tra i killer principali metalli pesanti come piombo, arsenico, zinco, cobalto, rame, mercurio e nichel, oltre a pesticidi e microplastiche. Elementi che possono provenire sia da attività umane (soprattutto), ma anche da eventi naturali come terremoti e inondazioni. 

Un team di scienziati della Rice University e dell'United States Army Engineer Research and Development Center (ERDC) è sicuro di aver trovato una soluzione  efficace per risolvere il problema. Lo Studio, guidato dal chimico James Tour è stato pubblicato su Nature. Ma come funziona questa nuova tecnologia? E' piuttosto semplice in realtà, si tratta di riscaldare il suolo a temperature molto elevate, comprese tra i 1000 e i 3000°C in modo da trasformare e rendere inerti o far evaporare tutte le sostanze nocive in esso presenti. 

Il processo inizia con l'immissione nel terreno di elettroliti solidi come i composti del carbone per agevolare la conduzione della corrente, successivamente nel terreno vengono fatti circolare degli impulsi elettrici che ne causano un rapido riscaldamento. L'aumento repentino della temperatura fino a livelli estremi, trasforma gli inquinanti organici in minerali di grafite non tossici e vaporizza i metalli pesanti, che vengono poi raccolti attraverso tubi di estrazione. Il processo è incredibilmente veloce, il che lo rende particolarmente utile in situazioni di emergenza. Cosa ancora più importante, il suolo trattato mostra un miglioramento del 20-30% nei tassi di germinazione. Questo tipo di bonifica quindi non solo pulisce il terreno, ma addirittura ne migliora la resa.


Seguici su Google News


Articoli correlati