26 marzo 2024
ore 23:52
di Lorenzo Badellino
tempo di lettura
2 minuti, 7 secondi
 Per tutti
Meteo Pasqua e Pasquetta
Meteo Pasqua e Pasquetta

VERSO IL WEEKEND DI PASQUA. La serie di fronti che tra martedìgiovedì porteranno condizioni di maltempo anche intenso su parte d'Italia sarà seguita, a ridosso del weekend pasquale, da un rinforzo dell'anticiclone tra il Mediterraneo centrale e la Penisola Balcanica. Sull'Atlantico invece rimarrà in azione una vasta saccatura che si estenderà a Penisola Iberica, Francia e parte dell'Europa centrale, ostacolata nel suo naturale movimento verso est dall'anticiclone di blocco sui Balcani. Tale configurazione innescherebbe un richiamo di correnti di Scirocco all'altezza dello Stivale che soffierebbero probabilmente almeno fin alla giornata di Pasqua. Queste si addosserebbero alle regioni alpine e in particolare al Nordovest, determinando una probabile intensificazione del maltempo sabato. Data la natura mite dell'aria in circolazione per via dello Scirocco, la quota neve sulle Alpi risulterebbe relativamente elevata, oltre i 1700/1900m. Discorso diverso invece per le regioni centro-meridionali, dove le condizioni si manterrebbero più soleggiate e molto miti grazie al caldo respiro sciroccale, con temperature massime anche di 24/26°C.

Meteo Pasqua e Pasquetta
Meteo Pasqua e Pasquetta

PASQUA E PASQUETTA. Nella giornata di Pasqua il fronte in azione al Nordovest comincerebbe lentamente a spostarsi verso est, determinando l'estensione dell'instabilità verso il Triveneto, con maggior coinvolgimento delle aree di alta pianura a ridosso delle Alpi e minore di quelle a sud del Po. Nulla di fatto invece per il Centro-Sud che, a parte possibili disturbi in Toscana, rimarrebbe ancora in condizioni stabili e molto miti, determinate dal flusso sciroccale. Solo nella giornata di Pasquetta l'area depressionaria potrebbe cominciare a spostarsi verso est, complice il graduale cedimento dell'anticiclone di blocco sui Balcani, con conseguente peggioramento non solo su gran parte del Nord Italia, ma anche sulle regioni tirreniche centro-settentrionali e con possibilità di fenomeni localmente intensi a ridosso dei rilievi. L'ingresso di correnti più fresche dai quadranti occidentali si sostituirebbe però al mite flusso sciroccale e determinerebbe una diminuzione delle temperature a partire dal Nord Italia, con abbassamento del limite pioggia-neve sulle Alpi fin verso i 1500m. Condizioni più soleggiate e miti si conserverebbero però al Sud e sulle regioni adriatiche, dove il lungo weekend pasquale sembrerebbe di conseguenza salvo. Resta ancora un certo margine di incertezza viste la distanza temporale e la dinamicità della situazione, tanto che la tendenza potrebbe subire alcune modifiche nei prossimi giorni, seppur non sostanziali. Vi consigliamo quindi di seguire i prossimi aggiornamenti.


Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati