22 febbraio 2018
ore 19:10
di Francesco Nucera
tempo di lettura
1 minuto, 13 secondi
 Per tutti

Davvero imponente è l'irruzione di aria artica di fine Febbraio. L'ondata di gelo che scorre lungo una direttrice Mosca-Parigi, si candida ad essere una delle più intense della storia. Oltre all'intensità è anche l'estensione ad essere una delle caratteristiche principali. E' davvero 'curioso' vedere l'aria fredda che ricopre quasi tutta Europa. Appare possibile che il sotto media termico possa proseguire anche durante la prima decade di Marzo.

Caldo anomalo sull'Artico - Mentre l'Europa vedrà un periodo termicamente anomalo, con valori anche di 15°C sotto le medie del periodo, l'area polare sarà invece interessata da una eccezionale mitezza con anomalie anche di +25°C sopra la climatologia nel fine settimana. Sull'Oceano Artico invece l'anomalia è di +8°C. Non può essere diversamente dopo eventi di forti stratwarming; del resto il vortice polare viene letteralmente spodestato dalla sua sede naturale e al suo posto si posiziona un anticiclone polare, alimentato da masse d'aria più miti ed umide. A conferma di questo c'è la località di Capo Morris Jesup in Groenlandia che ha segnato valori sopra le zero per 24 ore. 

 Questa fase meteorologica si sovrappone a quella climatica;  dolenti o nolenti questi tipi di anomalie di temperatura nell'Artico sono diventate comuni in inverno negli ultimi anni con conseguenze sullo stato di salute del ghiaccio artico marino.



Per le previsioni grafiche clicca qui

Per le previsioni a 15 giorni clicca qui

Segui @3BMeteo su Twitter


Articoli correlati